INSIEME SI MIGLIORA IL PRESENTE E SI COSTRUISCE UN FUTURO MIGLIORE
Direttore: Pasquale Sacino  - Redazione: Mettstr. 75- 2504 Bienne - Telefono: 0041 32 345 20 24 - E-mail: rinascita@bluewin.ch
 

Politiche del 4 Marzo 2018 - Quando e come si vota all’estero

Bienne Febbraio 2018 - Manca meno di un mese alle elezioni politiche del 4 marzo che coinvolgeranno anche 4.282.990 elettori all’estero, il 20% in più rispetto al voto del 2013. Oltre a loro voteranno per corrispondenza anche 30.848 italiani temporaneamente all’estero (questi i dati del Viminale) che ne hanno fatto richiesta entro il 31 gennaio.
Tutti loro riceveranno al proprio indirizzo il plico elettorale che dovrà essere restituito al consolato di riferimento entro le 16.00 (ore locali) del 1° marzo. Gli elettori che entro il 18 febbraio non abbiano ancora ricevuto il plico potranno contattare il proprio ufficio consolare per ottenere il duplicato.
Come si vota
Il plico elettorale inviato agli elettori contiene 1 certificato elettorale; 1 o 2 liste dei candidati; 1 o 2 schede elettorali; 2 buste, una piccola di norma di colore bianco e una più grande già affrancata con l'indirizzo del competente ufficio Consolare; il foglio informativo con le istruzioni per il voto.
Si vota tracciando un segno (ad esempio una croce o una barra) sul contrassegno corrispondente alla lista prescelta o comunque sul rettangolo della scheda che lo contiene.
Si può esprimere il voto di preferenza scrivendo il cognome del candidato nell'apposita riga posta accanto al contrassegno votato.
Dopo aver votato, il connazionale deve inserire la scheda o le schede elettorali nella busta piccola e chiudere la busta. La busta piccola va quindi inserita nella busta più grande già affrancata con l’indirizzo del competente Ufficio Consolare.
Nella busta grande va inserito anche il tagliando del certificato elettorale: è importante che questo tagliando non venga inserito nella busta piccola bianca, che deve contenere solo la scheda o le schede. La busta grande - quella già affrancata - va infine spedita all’Ufficio Consolare in modo che arrivi entro e non oltre le ore 16.00 del 1° marzo 2018 (ora locale) senza, ovviamente, aggiungere il mittente.
Per guidare i connazionali nell’esercizio del voto il Ministero degli Esteri e tutta la rete diplomatico-consolare pubblica da giorni sui siti ufficiali le istruzioni grafiche e su slide. Sul sito del Ministero dell’Interno, poi, il voto all’estero viene spiegato all’interno del portale dedicato alle elezioni 2018.

Due cose da dire ai candidati della Circoscrizione estero

Bienne, Febbraio 2018 - Nelle nostre liste non ci sono politici di lungo corso, statisti eccellenti, ministri emeriti, economisti di fama internazionale. Nemmeno veline, mogli, cognate, avvocati.
Crediamo che ci sono donne e uomini che - malgrado gli schieramenti che li dividono, o le liste che le differenziano - devono avere qualcosa in comune: sentire fortemente che rappresentano la comunità italiana all’estero che ha iniziato, agli inizi del secolo scorso, la vita in salita, ma che non si è mai arresa, che ha lasciato il proprio paese, i propri affetti e la propria casa, ma che ha sempre nutrito speranza; persone che con costanza, ottimismo, volontà e tanta, tanta fatica, ma sempre col sorriso, hanno costruito il loro domani, in un Paese non loro, con una lingua impropria, ma sempre con l’Italia nel cuore.
Sono persone che spesso hanno rinunciato ad una piena integrazione nelle nazioni che li ospitano, preferendo piuttosto la difficile condizione di immigrato, di ospite, di straniero.
Ma, con il loro lavoro, la loro serietà, la loro capacità, tutta italiana, di inventare, produrre, adattare, arrangiare e divertire, questa gente ha reso, fra l’altro, migliore l’immagine dell’Italia nel mondo.
Per tutto questo e molto, molto altro ancora, francamente credo che tutti i nostri candidati ne terranno sempre conto. Solo così potranno meritarsi di stare in Parlamento.

Pasquale Sacino

LORENZIN: "SU LISTE ESTERO VALORIZZATI GIOVANI E SOCIETÀ CIVILE"

Bienne Febbraio 2018 - "I candidati in lista per le 4 ripartizioni della circoscrizione estero per Civica Popolare, con le loro competenze, esperienze, e il loro radicamento sul territorio tra le comunità italiane, sono la metafora del progetto che Civica Popolare vuole realizzare in Italia. Un progetto fatto di responsabilità, di riaffermazione della credibilità del nostro Paese e di rinnovamento del suo ruolo a livello internazionale". È quanto dichiara in una nota il ministro della Salute e leader di Civica Popolare, Beatrice Lorenzin, fautore della nascita della formazione politicai Civica popolare.
"Tra questi candidati ricordiamo profili giovani espressione della nuova italianità, come Marco Carretta, classe 1992 di origine marocchina, adottato in tenera età da una famiglia milanese, impegnato nell'associazionismo e nella difesa dei diritti di minori abbandonati, esempio integrazione.
Unici parlamentari in lista, Aldo Di Biagio e Renata Bueno, rispettivamente in Ripartizione Europa e Ripartizione Sud America, che faranno da traino per l'intero progetto estero", aggiunge. "Abbiamo voluto sintetizzare nelle nostre liste un'italianità all'estero fatta non solo di cervelli in fuga ma anche di esperienze e di integrazione interculturale che dovrebbe aprire una nuova stagione per l'immagine e la credibilità del nostro Paese in Europa e nel mondo", conclude Lorenzin.